Cri (Staff) • 02 giugno 2013

Dritte per trovare lavoro

Tocchiamo un argomento un po' delicato, visto che si tratta di guardare e metter mano al proprio portafogli.

Se il vostro conto corrente non ha parecchi zeri dopo un uno... o se non avete dei parenti che vi "sponsorizzano" ogni vostro capriccio di vacanza... dovrete, prima o poi, cercarvi un lavoro.

Una piccola premessa: gli stipendi sono davvero alti per i nostri standard, tenete conto che il minimo salariale è di circa 20 dollari netti all'ora, pertanto basta lavorare anche solo due o tre giorni a settimana per poter vivere e pagare l'affitto.

Se volete invece, tentare di recuperare l'investimento fatto per la partenza (costo del visto, viaggio, albergo per i primi giorni, ecc...) potete tranquillamente ambire ad un lavoro full time, oppure più lavori part time.

Va detto che in Australia puoi avere quanti posti di lavoro vuoi.
Giusto per fare un esempio pratico: se tu hai un lavoro unico da 40 ore settimanali o 4 lavori da 10 ore settimanali, allo stato australiano non interessa e non interessa neache ai datori di lavoro se avete altri contratti.  In Australia è del tutto normale avere almeno due lavori.

Un lavoro permette di pagare l'affitto e l'altro di vivere senza rinunciare a nulla... :)

I nostri consigli:

Dopo un po' di "fatica" iniziale per creare un curriculum sensato e tentare di capire quale fosse la strada più corretta per farsi "chiamare" per dei colloqui... forse siamo giunti ad una formula base di partenza.

In Italia siamo abituati a creare un curriculum composto da diverse pagine. Più pagine ha il tuo cv, più ti senti figo e più pensi di far colpo su chi lo legge! Sbagliato! A parte che è sbagliato in qualsiasi paese... anche se purtroppo è un difetto della mentalità italiana. Lo neghi?

Gli australiani sono "pigri" e davanti a qualcosa da leggere, si fermano alla prima pagina.
Per questo motivo è importantissima la "Cover Letter", ovvero una singola pagina con le sole informazioni chiavi (che da noi è giusto la copertina del curriculum, ma per loro è il cv stesso).

Come già detto, nella Cover Letter dovete essere bravissimi a scrivere solo le informazioni essenziali.

Dalla nostra esperienza è importante scrivere:
  • il vostro livello di inglese (siate onesti, tanto al colloquio dovete per forza maggiore parlare);
  • il vostro tipo di visto, ma soprattuto la sua scadenza;
  • scrivete assolutamente se avete intenzione di stare in città o di cambiare aria dopo qualche mese;
  • indicate almeno due o tre nominativi che possano farvi da referenza lavorativa... specificandone ovviamente numero di telefono e email. Siate sinceri perchè, anche se i vostri "ex colleghi" sono in Italia, verranno contattati;

Per un datore di lavoro, queste informazioni valgono molto di più della vostra esperienza lavorativa. Perchè? Semplice! Perchè la vostra bravuta sarà "testata" sul campo.
Sono le vostre intenzioni a portarvi davanti ad una scrivania per un colloquio.

Sulla vostra "prima pagina", non sarà necessario neanche mettere la fotografia, tanto richiesta in Italia, l'età o la vostra nazionalità. La legge è chiara: non bisogna fare discriminazioni sull'età, il sesso e la nazionalità.

Fatta una discreta Cover Letter siete già a buon punto.
Non spammate subito tutti i "possibili lavori" che trovate. Non sapete ancora se la vostra Cover Letter è "funzionante". Se non arriva nessuna chiamata nel giro di una settimana (non abbiate fretta, son lenti), può significare che avete sbagliato mettere qualche dato.
Ma non perdete tempo, ritoccate un po' il tutto e riprovate con altri posti. Trovata la formula corretta e... via con lo spam! Ma con moderazione... non bruciatevi subito tutti i contatti.

Ora possiamo parlare del curriculum vitae vero e proprio. Il cv dovrà essere al massimo di due pagine, quindi non dilungatevi troppo sulle cose non rilevanti, vale il medesimo discorso della Cover Letter.

Come detto prima, dopo che avete spedito i vostri cv, non aspettatevi delle risposte da un giorno all'altro, anzi non aspettatevi proprio delle risposte (se i cv son stati spediti tramite posta elettronica). Praticamente tutti rispondono alla vostra richiesta... chiamandovi al telefono... e cosi facendo ribadiamo il concetto che sono pigri. Ora capite quanto sia importante avere un numero di telefono locale (leggete il nostro articolo sull' operatore telefonico più conveniente).

Non abbiate troppa fretta, ma cercate di prendervi un primo lavoro il prima possibile, anche a costo di lavorare gratuitamente (io l'ho fatto). L'esperienza locale è la cosa più importante in assoluto. Qualsiasi datore di lavoro, appena vede che state lavorando, non tarderà a contattarvi e di conseguenza il secondo lavoro non tarderà ad arrivare.

In Australia non esiste il tempo di preavviso, da un giorno all'altro potete rimanere disoccupati o decidere di non presentarvi al lavoro. No no, non è una cosa negativa! Tutt'altro! Se lavori e... vengono a sapere che sei bravo (e lo vengono a sapere se lo siete) non mancheranno ad arrivare nuove offerte per strapparvi dall'attuale posto di lavoro.

Un piccolo appunto: molti consigliano di portare a mano il proprio cv facendo il porta a porta. Noi ci abbiam provato, ma non ha funzionato... anzi... è stato solo uno spreco di soldi, carta e tempo, ma non per tutti è stato cosi. Abbiamo amici che, presentandosi direttamente nei bar e nei ristoranti, non han avuto bisogno neanche della "Cover Letter", ma gli è stata data subito l'occasione di una prova lavorativa.
Morale: tentate entrambi i modi! Statisticamente... in un modo o nell'altro... avrete un'occasione.

Ovviamente ci teniamo a sottolineare che tutti i consigli dati sono soggettivi, non esiste una regola certa. Meglio dirlo... non si sa mai.

Arrivati a questo punto, siete ad un ottimo 70% del vostro obbiettivo lavoro.

Noi per ora ci fermiamo qui.
Se avete bisogno di qualche altro consiglio, lasciate pure un commento o scriveteci ;)

Magari in futuro continueremo questo articolo informativo con una seconda parte...
Ma meglio se la "continuazione" ve la creiate voi con le vostre forze...

Se non siete in Australia in vacanza o finanziati, significa che avete deciso di buttarvi in acqua!
Ora... o nuotate... o affogate :)

In questo articolo ci teniamo a ringraziare Sonia, una nostra carissima amica che sta vivendo la nostra stessa esperienza australiana a Cairns. Grazie Sonia :)

scritto da Cri (Staff) il 02 giugno 2013 e letto 21731 volte