Cri (Staff) • 30 dicembre 2013

Good Bye Working Holiday Visa...

Vogliamo concludere il 2013 con l'articolo, forse, più atteso dell'anno. Eccomi qui con il portatile sulle ginocchia e una novità pronta da essere raccontata.

Dopo gli articoli "Vogliamo sponsorizzarti. Accetti?" e "Sponsorizzazione? No grazie", ecco la terza e penultima parte della storia. Aggiungiamo un nuovo tassello alla nostra esperienza australiana e come tale riteniamo giusto scriverla sul nostro diario.

Come anticipato nell'articolo di Natale, abbiamo preferito dare prima la notizia a famigliari e amici... ma ora è giunto il momento di informare tutti quelli che, così carinamente, ci seguono.

Per farla breve e senza troppi giri di parole: ufficialmente abbiamo abbandonato il nostro Working Holiday Visa e siamo passati al Bridge Visa, in attesa della convalida nel nostro nuovissimo Temporary Work Skilled Visa (Visa 457), più comunemente conosciuto come "Visto con Sponsor". Ebbene si, ho accettato la Sponsorizzazione propostami da parte dell'ultima azienda per il quale tutt'ora sto lavorando.

Ma facciamo un passo indietro e impostiamo il computer della nostra Delorean alle ore 10:04 del 21 dicembre 2013. Un venerdì iniziato come tanti altri, e per essere precisi, l'ultimo giorno lavorativo prima della chiusura natalizia. Durante l'ultima riunione mattutina dell'anno, mi arriva una mail con scritto: "Se entro le 12 di questa mattina ci mandi tutti i documenti necessari... vedi lista allegata, avviamo le pratiche per la tua Sponsorizzazione". Cosa? Ma stiamo scherzando!?!? Potete immaginare il mio stato d'animo. Un frullato tra sorpresa, felicità, panico e agitazione.

In totale stato confusionale, prendo il telefono e chiamo immediatamente il mio responsabile. Fortunatamente percepisce la mia agitazione (cosa non difficile da fare) e realizza che due ore sono decisamente insufficienti per raccogliere almeno una trentina di documenti. Si avete letto bene, una trentina di documenti.

Piccola parentesi: in futuro pensiamo di scrivere un articolo completamente dedicato alla lista di tutti i documenti necessari in caso di richiesta di Sponsorizzazione. Credetemi quando vi dico che la lista è bella lunga e le tempistiche per raccogliere tutto son di almeno tre settimane. Ma tutto questo, come detto, sarà un discorso a parte. Chiusa parentesi.

Con un po' di comprensione, ma sempre sottolineata da una certa premura (dov'è finito il "no rush" australiano?), mi viene chiesto gentilmente di recuperare il tutto per il lunedì successivo. Morale: abbiamo l'intero weekend per raccogliere e sistemare tutta la documentazione, fortunatamente già pronta da qualche mese, proprio per affrontare nel migliore dei modi l'occasione.

Ad essere sinceri, abbiamo cominciato a mettere insieme tutto il materiale necessario dopo la prima occasione rifiutata (quella raccontata nella primissimo articolo di questa storia). Colgo l'occasione per ringraziare ancora una volta Sonia e Simone per alcune preziose dritte! Rivolgersi a qualcuno che ci è già passato aiuta ad evitare alcuni errori di giusta inesperienza, pertanto noi rimaniamo a vostra disposizione.

Ma il mio 21 dicembre 2013 non finisce qui, nell'arco della mattinata mi arriva per email: nuovo contratto e Bridge Visa.

Se ero già in fibrillazione... quando mi sono accorto che nella mail c'era solo un Bridge Visa, il cuore ha iniziato a pompare il doppio. I visti dovevano essere due. Chiamo la Migration Agent e chiedo spiegazioni, risposta: "oh shit!" e almeno cinque secondi di silenzio. Ok, panico totale!

Fortunatamente, per un visto sponsor, eventuali Partner o figli si possono aggiungere in un secondo momento, cosa invece che non si può fare per uno Student Visa. Ovviamente tutto questo l'ho saputo dopo.

Trascorriamo gran parte del weekend a compilare, scannerizzare, firmare e stampare. E... il lunedi 23 dicembre (auguri di buon compleanno mamma) eravamo prontissimi per la consegna di uno zip contenente solo 32 file. Spediamo per email il tutto... e dopo un'oretta... ecco il secondo Bridge Visa. Ok, è fatta! E ora aspettiamo... l'ok del governo.

E' ufficiale: siamo in Australia... con un nuovo visto. Una piccola soddisfazione che si aggiunge a 10 mesi di vita australiana e a tanti piccoli passi compiuti nella giusta direzione. Ora dobbiamo solo aspettare il tempo tecnico che il governo approvi o rifiuti la richiesta di visto. Le tempistiche di attesa dovrebbero essere di almeno due mesi. Conosciamo gente che dopo un anno non ha ancora ottenuto risposta. Proprio per questo, han inventato il Bridge Visa. Quindi... manca solo la quarta e ultima parte della storia: "Visto Sponsor: approvato o rifiutato?". Staremo a vedere...

Concludiamo questo articolo chiedendo scusa se in alcune parti non siamo entrati nei dettagli. Vogliamo solo ricordare a tutti quelli che ci "leggono" che: sì, oggi siamo qui a festeggiare, ma dopo aver affrontato un lungo e articolato percorso di crescita. Una "storia" che in modo onesto, e speriamo chiaro, abbiamo tentato di raccontare negli articoli precedenti.

Un grazie particolare a chi ci ha seguito sin dall'inizio...

Come sempre rimaniamo a disposizione per eventuali approfondimenti personali e per rispondere a domande precise riguardanti le procedure di Sponsorizzazione e requisiti vari. Ci siamo appena passati e siamo ancora belli caldi dell'esperienza.

Rimanete con noi anche nel 2014... la nostra avventura è solo all'inizio!

A presto
Cri

PS
Questo è l'articolo numero 50, non male, non male per niente.

scritto da Cri (Staff) il 30 dicembre 2013 e letto 22561 volte