Cri (Staff) • 06 dicembre 2013

Australia... Tu arrivi o te ne vai?

In queste ultime settimane ci stiamo rendendo sempre più conto che ormai moltissimi Italiani arrivano in Australia, ma altrettanti "scappano" per tornare in Italia. Magari non ci abbiamo mai fatto caso, ma un po' da Facebook... e un po' dal nostro sito, arriviamo solo ora a questa percezione.

Quindi oggi sono qui, non a raccontarvi qualcosa su di noi, ma a dispensare cazz... ehm consigli.

E' nostra abitudine chiedere, a chi ci scrive, la motivazione della scelta della prima città australiana. Secondo voi qual'è stata la risposta più comune? "Ho già li degli amici o parenti e li raggiungo". Solo una piccolissima minoranza ci ha scritto: "Mi han detto che li è più facile trovare lavoro". Per l'amor del cielo, non esiste una risposta giusta, ma permettetemi di avere la mia opinione.

Perdonatemi, non voglio essere frainteso, ma perchè volete cambiare continente per qualche amico o parente? In Italia non avete amici o famiglia? A parte gli scherzi, seriamente, quando scegliete la città informatevi bene e fatevi più e più domande su quello che realmente cercate e per quale motivo ve la date a gambe levate dall'Italia.

Personalmente posso capire che avere delle persone che si conosco possa facilitare il vostro inserimento, ma a volte meglio essere soli nel posto giusto che in molti in una piazza comune. Non credete?

Scrivo questo perchè abbiamo già visto, con i nostri occhi, diverse "brutte" esperienze. Chi ha scelto una meta per raggiungere gli amici... ed arrivato a destinazione ha visto questi stessi amici, inizialmente tutti esaltati, tornare in Italia, con la coda tra le gambe, dopo soli pochi giorni. Oppure chi, spinto dal "nome altisonante" della località, si è dovuto scontrare con chi l'ha pensata come lui e arrendersi quasi subito all'evidente concorrenza lavorativa.

Per chi ci segue... vi gridiamo: "Attenzione!"

Permetteteci di consigliarvi una maggiore attenzione ai particolari sin da prima di partire. E' un'avventura estremamente dispendiosa, specialmente il primo mese, non sottovalutate nulla e non credete a nessuno. Credete solo in voi stessi, nelle vostre capacità e al vostro istinto.

Questa sarà la vostra nuova vita (almeno per un anno come minimo), non è una vacanza, nessun amico o parente potrà mai risolvere i vostri problemi o adempiere a tutte le vostre sognanti aspettative. Dovete cavarvela da soli sin dal primo giorno. Tranquilli, superato il primo mese... poi sarà tutto in discesa.

Bhe... direi che ho detto fin troppo. E con il rischio di essere lapidato in piazza, vi saluto!
Buon fine settimana a tutti e a presto.
Cri

PS
Cosa ne pensi di quello che abbiamo scritto?
Qual'è il tuo punto di vista?
E' un po' che non chiediamo: "scriveteci e commentate", ma in questo caso ci teniamo molto ad avere un tuo personale parere su questo argomento.
Grazie!

scritto da Cri (Staff) il 06 dicembre 2013 e letto 20959 volte